facebook

 

Ripatransone


Ripatransone
Ripatransone (le Ripe in dialetto ripano) è un comune italiano di 4.395 abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche.Il capoluogo, situato su un alto colle (494 m s.l.m.) a breve distanza dal mare (12,5 km), è fra i centri più antichi della provincia, nella quale possiede anche uno dei territori comunali più estesi (74,16 km²).
Città d'arte con numerose strutture museali, vive di turismo, di mobilifici e d'agricoltura, emergendo nella produzione dell'olio e del vino. È detta Belvedere del Piceno per l'ampia visione panoramica che offre.
Dopo Ascoli Piceno, Ripatransone è il centro storico di maggiori dimensioni della provincia, e il suo aspetto monumentale discende dall'importanza della città nel passato. L'impianto del paese è medievale, e numerosi sono i resti delle antiche fortificazioni. Il corso Vittorio Emanuele taglia longitudinalmente l'abitato per circa un chilometro, costeggiato da alti palazzi signorili di varie epoche.

Punti panoramici

La posizione geografica privilegiata permette una visione panoramica che ha meritato alla città l'appellativo di Belvedere del Piceno.
All'altezza di Porta di Monte Antico la SP 23 Cuprense si converte in circonvallazione panoramica di Ripatransone. All'altro capo, oltre Porta d'Agello, la strada extraurbana riprende, ma la circonvallazione prosegue in via Uno Gera. Ciò permette un vista quasi a 360°, dall'Adriatico a sud di San Benedetto del Tronto all'Adriatico a nord di Cupra Marittima, passando per gli Appennini. Altri punti panoramici si apprezzano sui colli Belvedere e San Nicolò (quest'ultimo si affaccia anche sul lato orientale dell'abitato), e l'ex Giardino del Vescovo (oggi centro di aggregazione comunale).
Il panorama abbraccia a ovest l'Ascensione e la catena dei Sibillini, a nord il Conero e il Titano, a sud la Montagna dei Fiori, il Gran Sasso, la Majella e i Monti della Laga. In condizioni di visibilità eccezionali, dai punti più elevati è possibile scorgere anche il Gargano e le Alpi Dinariche della Dalmazia.

Musei 

  • Museo civico. È ospitato da Palazzo Bonomi-Gera e si compone di cinque raccolte: la pinacoteca, la Gipsoteca Uno Gera, il museo storico etnografico, il Museo storico risorgimentale Luigi Mercantini e una galleria d'arte contemporanea.
  • Museo archeologico. Si trova al pianterreno del palazzo municipale e conserva numerosi reperti preistorici piceni e romani, provenienti dal territorio comunale e dell'antico Ager Cuprensis.
  • Museo vescovile d'arte sacra. Sito nell'ex chiesa di Sant'Agostino, custodisce opere a carattere religioso provenienti dalle chiese del territorio. Presso l'entrata una pavimentazione in vetro permette di scoprire le antiche fondamenta dell'edificio. Il museo è destinato anche a ospitare mostre, come quella su Jacopo della Quercia allestita nell'estate 2008.
  • Museo della civiltà contadina e artigiana, privato e visitabile su prenotazione. Ospitato dal seminterrato della chiesa di San Filippo, documenta la tradizione rurale del paese e le testimonianze della vita nei campi nei secoli andati.
  • La bottega del vasaio, museo privato dell'artigiano Innocenzo Peci, con oltre ottocento manufatti in terracotta fra cui i tipici fischietti chiamati cuchi.


Album: Ripatransone

1. Strada Ripatransone
2. Vicolo di Ripatransone
3. Teatro Mercantini
4. Ripatransone con la neve
5. Il municipio di Ripatransone
6. Il cavallo di fuoco
7. Campagna
8. Il cavallo di fuoco